FESPA Print Census

Census- Report FrontFESPA Italia mette a disposizione dei propri associati il FESPA Print Census 2018. La ricerca vuole essere il barometro dell’industria che aiuta Vendor e Print Service Provider a comprendere le dinamiche del mercato nei segmenti chiave dell’industria, inclusi sign&display, tessile, lavorazione del legno e elettronica.

Print Census è il risultato della collaborazione tra FESPA e InfoTrends, la cui esperienza e visione del mercato hanno contribuito a interpretare i dati raccolti e a presentare i risultati.

Condotta online e in occasione di diversi eventi nell’arco del 2017, la ricerca è il risultato della partecipazione di 1400 rispondenti in 102 paesi nel mondo: i 10 Paesi col maggior numero di contribuenti sono Regno Unito (16%), Grecia (15%), Messico (12%), Sud Africa (11%), Germania (10%), Italia (9%), Danimarca e Turchia (8%), Brasile (6%) e Thailandia (5%). I partecipanti rappresentano l’intero spettro delle aziende di stampa, che comprende attività quali stampa digitale (17%); serigrafia (15%); stampa commerciale, stampa rapida e reprografica (13%); studi grafici (11%); stampa tessile (10%); cartellonistica (10%).

Questi i principali trend emersi dall’edizione 2018:

1 – Continua lo spostamento verso la personalizzazione di massa
2 – Crescono gli investimenti nella stampa digitale
3 – Chi investe lo fa sempre più spesso con un occhio di riguardo all’ambiente e alla sostenibilità
4 – Le principali aree di investimento sono gestione colore, controllo qualità e soluzioni di tracciabilità
5 – La produttività va costantemente accresciuta, assieme al range applicativo e di supporti stampabili

I risultati complessivi del FESPA Print Census 2018 sono esclusivamente a disposizione dei soci di FESPA Italia. È possibile scaricare in forma gratuita un estratto del Census, incentrato sulla situazione dell’Europa Meridionale (Italia, Spagna, Francia e Portogallo).